Uncategorized

Antonino Caponnetto, Miti per l’uomo solo

Miti_per_l_uomo_solo

qui per acquistare


Miti per l’uomo solo è un percorso di ricerca che l’autore intraprende a fianco del lettore, delle “femmine irrequiete, i folli, i saggi, / i senza patria, i senza dio, gli offesi, / i creduli, i dispersi, i malfattori,” ovvero di tutte le creature sole, erranti, nel duplice significato del termine, cui questi versi si rivolgono fin dalla dedica di apertura. È una mano aperta che si porge per intrecciare queste solitudini nel tessuto dell’esperienza individuale, che diviene dunque collettiva nel momento in cui l’Io ci si lascia (dis)fare dalla vita, per poi dipanare i fili delle memoria nel percorso di individuazione del Sé mediante il recupero e la valorizzazione di ciò che è stato,  ri-percorrendo l’ordito di luoghi, persone, sogni, miti e suggestioni incontrate sul cammino, custodite dentro. E l’ordito si  va materializzando verso dopo verso, come in un patchwork fatto di brevi scorci di ricordo e alti slanci di pensiero, citazioni colte e inserti del parlato, incursioni nel dialetto e prestiti dalla cultura popolare, neologismi e contaminazioni linguistiche, a testimoniare una fede forte nella parola,  che vorrebbe sconfiggere la Colpa del re, che spezzò la lingua dell’umanità in tante papille che vogliono ritrovarsi, ritrovando il gusto del comunicare, che fornisce un mito cui appigliarsi nella solitudine congenita dell’Umano.

 

Chiara De Luca

 

 

“Che cos’è la poesia, se non la ricerca di dare un senso al tempo? Questa sicuramente potrebbe essere una risposta. Il tempo che viviamo, e che ci appartiene, nella società attuale scarseggia sempre di più. Siamo presi dal lavoro, dalla fatica di giostrare il tempo libero con i rapporti interpersonali, dalla fretta. Caponnetto, nella sua raccolta “Miti per l’uomo solo”, dimostra di avere una forte consapevolezza di tutto questo. Fin dalle prime due poesie, e, ancora sempre nella sezione “LUOGHI NON-ALFA”, nella breve ma efficace “Lungo i giorni deserti e le strade”, o in “Pour la douleur du pauvre”, “Sosta d’inverno”, questa sensazione sembra portante e presente. (Ma anche nella seconda parte, “INTORNI NON-OMEGA” poi in “Sei”, “Fragmentum I”.)”

 

dalla  prefazione di Gregorio Scalise

 



La casa in via G.B.


                                    “E ccumpari,

                                    cchi vvòi sunari?”

 

                                    “Vòggiu sunari

                                    la vïulinu.”

 

                                    “E commu si sona

                                    lu vïulinu?”

 

                                    ………………….

 

                                    Canzone popolare siciliana 

 

 

Era un tempo di piccoli baleni,

di grandi oscurità, di molte liti

ma di finestre immense, di pareti

cosparse d’occhialuti

autoritratti su tele di iuta,

carboncini su gialle carte stracce.

 

Era un tempo di crolli e salvamenti

e di piccole ore e levatacce,

d’un lavoro per folli e per artisti

o per vecchi sofisti.

E per noi due, compagni di ventura,

era un tempo di lampade e lavagne,

e d’una casa di robuste mura,

prima di noi un tempio di pittura.

 

Era un tempo di dispute furiose

sull’intima natura

dell’uomo e delle cose,

ma per entrambi noi

era l’uomo, a quel tempo, l’Universo

che pensa e sa se stesso.

 

Ancor prima dell’alba

rapido il tuo gessetto frastagliava

di bianche cifre e segni ed alfabeti

il buio sfondo dell’ardesia nera.

 

Col pensiero e la mano tu la retta

del tempo disegnavi e, sopra quella,

due punti – Omega ed Alfa – a segmentare

l’effimera durata del mortale

entro gli Eterni del Prima, del Poi.

 

E al sorgere del sole

il nostro argomentare

disfiorava l’ignoto,

fondava in sé il mistero.

 

Allora, al bar per fare un po’ di moto,

per arginare il fiume di parole.

Spingevo sulle suole

mentre tu il toast farcito, il caffè nero

prefiguravi e ti attenevi al vero.

 

Ma sulle temporali semirette,

per noi seduti a fare colazione

in quel tempo d’artisti e forsennati,

oltre il simbolo, il segno e la sua cifra,

quale onirica forza si celava

a sinistra dell’Alfa,

a destra dell’Omega?

 

 

 

Dal Sud

 

 

                                    Amaru a ccu’ si fa supranïari,

                                    lustru di Paradisu non ni viri.

 

                                    Altra vecchia canzone Siciliana

 

 

E un capriccio di brezze nella sera

conduce fino a te leggeri aromi

di ginestre di menta e gelsomini

e notizie dal Sud.

                               Ti parla in cuore

di più nuove partenze d’altri viaggi.

 

Sei stata chiesta –

                                 E come declinare

l’immancabile invito e la ventura

di strade ignote e genti e paesaggi?–

 

Nella casa del padre tuo gli amanti,

l’uno all’altro segreti, sono tristi

come statue di cera –

                                       Vuoti o morti –

 

Soltanto tu sei viva.

                                    E guardi e guardi

assai lontano

                        dove sempre attende

un universo di promesse umane –

 

E il tuo sorriso incanta i messaggeri –

 

 

 

Leyenda de las hojas ¡ay! de coca

 

Lungo la Cordillera, sobre los Andes, Sandes,

là in alto, masticava hojas de coca loca.

Ya amaba a su trabajo di dar la morte forte.

E, a capo d’una banda, via per sentieri neri!

Rossa la sua percossa, mortale il gioco. Fuoco!

Ma fame li trattenne, poi venne sete. Prete!

Rari gioielli e spari. ¡Cabrón maldito! Y grito.

Non sepolto è quel male figlio del capitale,

hermana de mi suerte, mi soberana muerte.

¡No hay pesos ni besos, mi exército de huesos!

E con la fine, pura soggiunse la sciagura.

Vienen ¡Ay, Madre, adiós! los Ángeles de Dios.

Cadi trafitto, cadi e cadi ancora! ¡Y llora, llora, llora!

Nel dirupo scosceso, sobre los Andes, Sandes.

Là in alto, masticava hojas de coca loca.

 

 

 

L’impuri

 

Tre vvort’oggn’anno er Zire der magnero

a la tavola sua li debbitori

’nvitava, pe’ ssanzione

de pace e pe’ occasione

de parlamento sopra li confini,

li traffici, er commercio, li quatrini.

 

Nun era poco er credito goduto

frammezz’a sti bbisbetich’e vviolenti

ma tant’assai citrulli, e ’gnorantacci

pe’ cquer ch’è tteleologgico e mmorale,

senza di’ ppoi de Stetica o de Sscenza.

 

E er Zire der magnero? che ggran zaggio!

Lui nun se ’nfastidiva ppiù che ttanto

p’er fatto de tenelli a vvassallaggio.

A ttutti quanti er generoso Sire,

òmo de gran pincìpi e dd’arta classe,

dava lume e consijo in zur da fasse.

 

E si, mettemo er caso, ’na bbandaccia

metteva a ferr’e ffoco strade e ccase,

si mmoriveno donne e vecchi e ’nfanti,

a llui je s’ariempiveno le casse,

 

Senza dije nemmanco mezza frase,

a li vassalli de cotanto Sire

je toccava un zorriso e, doppo quello,

un po’ de mura e sservi e un gran liggnaggio

pe’ ccausa de la forza e dder coraggio.

 

Ma le miche, le bbriciole, l’ossetti,

lassate llì in zur desco dopp’er pranzo,

indignaveno l’Ospite e ll’avanzo.

E llui pe’ cquesto un musicale riso

arto innarzava in zu le teste artrui,

 

soverchianno de dotte citazzioni

li rumori de certi serpentoni

sibbilanti ar zu’ desco, lerci, impuri,

l’iscariotacci, li ggiuda futuri.

 

 

 

Taccuino: stanza III The old Fool

 

 

                                    Show me the prison,

                                    show me the jail…

 

                                    Phil Ochs, There But For Fortune

 

 They say the Universe,

the Bottomless,

the World,

 

but you, my fabulous theoretical old Fool,

& you, my empty darkness,

will you return tonight? –

 

«Cætera fumus», so

the Teacher said a time –

 

But you, my fabulous

theoretical old Fool,

& you, my empty Darkness,

 

will you give me your vice-versa World? –

«Cætera fumus», so the Teacher said… –

 


 

Theotokópulos

 

Dispersa nel groviglio dei nonsensi

la tua mente ha lasciato questi luoghi.

E nel guizzo d’un sole immaginato,

cieco, non vedi come se ne vanno

verso altri corpi e forme e creature

i vezzi del tuo daimon

 

né t’importa

dell’uomo che oramai non ha puntelli,

che non ha più speranza di sperare.

 

E non piangi se nulla ormai concedi,

se non senti il calore d’altre mani.

 

Dentro di te ciò che fu tempo e spazio

e vigoroso corpo ormai si spezza

in minuscole scaglie,

variegato

cristallo d’un amore che trafigge

a morte il cuore e l’universo mondo.

 

Nei barlumi d’un sogno la tua mente

atterrisce e ricorda. Tu non piangi

d’una mano ad artiglio e d’una croce.

E nei perduti giorni vanno e vanno

verso inaudite forme e creature

i vezzi del tuo daimon.

 

Rigogliosi,

in altro luogo ed universo, i rami

avidi e freschi d’olmi secolari

 

nel tramonto richiamano gli uccelli

variopinti ed il sole ai loro nidi.

 

 

 

Ma quaggiù Nemo Nihil tiene banco

 

Dici che la Parola ha l’armonia

selvaggia d’una tigre delle nevi?

 

Ma di quassù non orma s’intravede

né tigre delle nevi, né animale

selvaggio o benedetto varca i bordi

rosso carminio dove il grigio muore

e fa spazio al deserto.

 

                                         L’autostrada

lascia apparire in lontananza l’uomo,

misera forma solitaria, e solo

Nemo Nihil camminerà al suo fianco.

 

Polverosa Land Rover non s’arresta

al solitario gesto di chi è solo.

Nemo Nihil fischietta già al suo fianco

una notturna nenia dolce e lieve,

 

poi che verrà la notte e ci saranno

finalmente le tigri infiocchettate

là dove Nemo Nihil tiene banco.

 

E chi oserà restare fuor del branco

e non piegarsi alla glaciale, fonda

narcosi insonne che la mente inonda?

 

Solo un meticcio andrà giù dal suo scranno

stanotte e vedrà in sogno la sua tigre.

Sul terriccio ormai rosso le sue pigre

palpebre alla Parola s’apriranno.

 

Dici che la Parola ha l’armonia

selvaggia d’una tigre delle nevi?

 

Ma quaggiù Nemo Nihil tiene banco,

vende ciò che più serve all’uomo stanco,

fischiando riconduce ognuno al branco.

 

 

 

Au-delà du naufrage

 

Au bord

d’un demi-vers

de Paul Claudel

 

en traversant

la voix

qu’ici m’appelle

 

en recherchant

l’auberge

de l’éternel

 

pour nos amours

peut-être

pour ce rêve brûlant

 

ici à jamais, pour toi

mais pour le Moi

d’antan

 

je choisis

le silence

et la parole

 

si déjà vient

de commencer

la vie

 

et nous, étranges voleurs de grands chemins,

nous regardons ici comme des flâneurs

le rouge des verts jardins du Luxembourg.

 

J’écris:

par toi, chérie,

il faut aimer

ma vie.


 

 

Tre

 

                                    Colui che torna è forse l’altro me,

                                    quel che ho smarrito a un piccolo caffè.

 

 

… E allora via le salamandre i bruchi

via gli scorpioni via le ragnatele

i neri squarci alle pareti via

le muffe al pavimento i ratti via

 

le cianfrusaglie le cataste vane

dei molti libri qui sopravvissuti

e delle carte per l’oblio ma via,

adesso sì, col nido della serpe,

 

via dai sogni, dagli occhi e dalla nuca,

via dalla gola e dalla schiena il peso

degli anni scorsi a farlo, questo nulla

d’insolvenze, di nausee, di detriti…

 

Un ticchettio fra un attimo sull’uscio,

e il ritorno del milite ben noto…

 

 Antonino Caponnetto, Miti per l’uomo solo, Kolibris, Bologna 2009

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s