Albanian Poetry

Arben Dedja, La manutenzione delle maschere

COLLANA SWALLOW – Poesia della migrazione
ARBEN DEDJA,
La manutenzione delle maschere
A cura di Mia Lecomte
ISBN 978-88-96263-24-2
pp. 92, € 15,00


“La manutenzione delle maschere di questa raccolta è un implacabile esercizio dissacratorio, operato con scientificità attraverso la procedura esatta ed esperta dell’autopsia; tramite cioè la scomposizione anatomica, imparziale, della materia, nel momento in cui la morte, come unica realtà, conferisce finalmente a ogni cosa il posto che le spetta.

In controluce è sempre presente la politica albanese, con la dittatura, la corruzione, la miseria, ma interpretata con il filtro della democrazia dei sentimenti e dei destini, in cui anche la polemica sociale – si veda ad esempio “La presentazione” (p. 17) o “Ispezione chirurgica” (p. 21) – ritorna senza nessuna presa di posizione politica, semplicemente perché gli ultimi incarnano l’elementarità organica della vita, e le vittime designate di una congenita stupidità di specie; come ad esempio in “Aquila bicipite”, in cui tutto il dramma balcanico sembra ridursi ai colpi di scena di una comica charade (p. 83).”

dalla prefazione di Mia Lecomte


“Sono sempre stato circondato – trovandomi benissimo – da persone che non si interessavano di poesia. Penso che la mia tendenza a versificare – all’inizio si trattava di questo – la considerassero una forma benigna di svitamento. Poi durante l’adolescenza, quando i pochi libri belli in circolazione li divoravo in un battibaleno nelle letture delle mie notti solitarie, il resto della vita mi sembrava di una noia mortale. Così ho iniziato a scrivere (e a tradurre poesia) più seriamente. Più seriamente, ma non in modo serio, poiché scrivevo soprattutto per sfuggire alla noia e (inconsciamente) per nutrire le mie amicizie, frequentazioni ed esistenzialità con persone fuori dalla poesia. È, forse, per conciliare tutto questo che la scrittura si è lentamente modellata con le sue (credo) caratteristiche di oggi: leggerezza e (auto)ironia. A dispetto della persona timida e solitaria che sono, una poesia un po’ ammiccante e giocherellona. E triste. Cin cin!”

Arben Dedja


Twin Towers

Mia nonna Neshirè

figlia di Ibrahim Abdullah

che da vent’anni vive con la pensione

del marito morto

e con pezzi di proprietà d’inizio secolo

svendute per due lire,

lei che è stata tutta la vita casalinga,

a quel punto, di certo, imparò

come si chiamava l’ombelico commerciale del mondo

finché guardava il finimondo in TV

tra spirali di fumo della trentanovesima o

quarantesima strada (pardon, sigaretta!), Allah diceva,

aiuta quegli sventurati…

Twin Towers. Gjyshja ime Neshirè | e bija e Ibrahim Abdullahut, | që tash njëzet vjet rron me pensionin | e burrit të vdekur | dhe me ca copëra pronash të fillimshekullit | shitur për pesë para, | se për vete ka qenë tërë jetën shtëpijake, | me këtë rast, sigurisht, e mori vesh | si quhej qendra tregëtare e botës | tek shihte katrahurën në TV | mes spirales së tymit të rrugës (pardon, cigares!) | së tridhjetenëntë a dyzetë, Allah thosh, | ndihmoji korbërit…

La presentazione

Ah si, ricordo bene gli albanesi

arrivarono in ciurme dal confine settentrionale

come abbondarono quell’anno le civette nei dintorni.

E io donai e donai e donai e donai

in quell’occasione rinnovai il Guardaroba di ieri

si fece in quattro mio marito per la nuova Biancheria.

Poi irruppero i curdi sorridenti come primavera

con le gambe di legno marcite dalle onde

poi i ruandesi che sbagliarono strada.

E io donai e donai e donai e donai

di nuovo ho dato via la Biancheria Firmata

era un po’ fuori moda il Ricamo delle Mutande.

Poi i moldavi scattarono con zattere fatali

poi gli iracheni camminando sui ghiacci

i burundesi con gabbane squarciate dai lupi.

Ancora io donai e donai e donai e donai

avevano le afgane tutti i miei Reggiseni

la mendicante bosniaca sette Mutande vestiva.

Poi arrivarono i cingalesi con tizzoni nei taschini

e poi i kossovari ma erano fuori stagione

per le Passerelle di NewYork – Paris – Milano.

Io ancora donai e donai e donai e donai

anche se la casa mi forzarono per rubare il Guardaroba

che, per fortuna, era vuoto dall’ultima donazione…

…qui la Signora interrupe il discorso perché, nel fratempo, le presentarono un islandese.

Prezantimi. Ah po, më kujtohen shqiptarët | mbërritën me turma nga kufiri verior | ç’u shtuan atë vit kukuvajkat në rrethina. || E unë dhashë e dhashë e dhashë e dhashë | e ndërrova me këtë rast Garderobën e djeshme | u ça katërsh im shoq për Të Linjta të reja. || Pastaj kurdët ia behën të qeshur si pranvera | me këmbët e drunjta të kalbura nga dallgët | pastaj ruandezët që rrugën ngatërruan. || E unë dhashë e dhashë e dhashë e dhashë | m’u desh prapë t’i falja Të Linjtat e Firmosura | i kish ikur ca moda Dantellave të Breçkave. || Pastaj brofën moldavët me trape fatalë | pastaj irakenët duke ecur mbi avra | burundasit me guna të çjerra nga ujqit. || Prapë unë dhashë e dhashë e dhashë e dhashë | kishin gratë afgane gjithë Gjimbajtëset e mia | një lypëse boshnjake shtatë palë Breçka kish mbathur. || Pastaj erdhën çingalezët me gaca ndër xhepa | pastaj kosovarët po sezoni s’kish nisur | i Pasarelave në New-York – Paris – Milano. || Prapë unë u dhashë e u dhashë e u dhashë | ndonëse më hynë në shtëpi Garderobën të vidhnin | që, për fat, ishte bosh nga dhuresa e fundit…

…këtu Zonja e ndërpreu rrëfimin se, ndërkaq, i prezantuan një islandez.

Elegia crudele per mio padre

1.

Ho lavato mio padre morto

una mattina di marzo con i geloni

d’inverno ancora ai piedi

e proprio dai piedi iniziai

– acqua e sapone – finché ebbe

odore di detersivo poi tra le cosce

ho sfiorato appena i testicoli in quella

occasione per la prima volta svelati

lo vestii con camicia e abito

il migliore tenendogli dritta

la testa che non cadesse sul petto

lo sdraiai senza-orologio-e-senza-anello

gli pettinai i capelli bianchi lo rasai

a secco ansimai con le scarpe

nuove tre-manici-di-cucchiai-spezzati e

alla fine gli misi una cravatta dopo

aver fatto prima il nodo sul mio

collo.

Elegji mizore për babanë. 1. E lava babanë e vdekur | një mëngjes marsi me cikmat | e dimrit ende nëpër këmbë | dhe pikërisht nga këmbët ia fillova | – ujë e sapun – gjersa mori | era myshk e pastaj rrëzë kofshëve | sa ia fshika herdhet me këtë rast | parë për herë të parë | i vesha këmishë e kostum | më të mirin duke ia mbajtur | herek kokën mos ngjeshej për gjoksi | bukur e shtriva të paorë të paunaza | i kreha pastaj thinjat e rrova | në të thatë zor e pata me këpucët | e reja tre-bishta-lugësh-shkulur dhe | në fund kravatë i vura pasi bëra | më parë nyjen në qafën | time.

2.

Padre mio quando tu moristi

ti tenemmo per ventiquattr’ore

insepolto per renderti gli ultimi

onori una lunga veglia

ma intanto l’inverno lasciava

la terra e così a mezzanotte

spegnemmo il riscaldamento tra noi

ci rannicchiammo mentre qualcuno

cospargeva di profumi la stanza

il corridoio la cucina l’altra stanza

il mondo intero…

2. Ati im kur ti vdiqe | të mbajtëm njëzetekatër orë | pa varrosur të të bënim nderet | e fundit një përgjim të gjatë | por ndërkaq dimri po e linte | tokën ndaj e fikëm ngrohjen | në mesnatë ashtu te njëri-tjetri | kruspulluar tek dikush spërkaste | me parfum dhomën korridorin | kuzhinën dhomën tjetër gjithë botën…

3.

Compianto padre mio quando moristi

fu impresa difficile

farti scendere per le scale strette della palazzina

costruita con i lavori forzati nel periodo

hoxhiano un cugino di settimo

grado arrampicato sulle sbarre

della finestra del vicino si occupò

di dirigere le operazioni il falegname

del quinto piano stramisurò

con un metro gli angoli del calvario

un martire mise la schiena

sotto la bara ma comunque

spaccammo lo stesso la lampada

delle scale scalfimmo

l’intonaco mentre tu dentro ti muovevi

sacco di noci ammucchiato sulla testa

che secondo l’usanza

doveva uscire per prima.

3. I ndjeri ati im kur ti vdiqe | ishte sipërmarrje e vështirë | të të zbrisnim shkallëve të pallatit | me punë vullnetare të kohës | së enverit një kusho | i shtatë kacavarur te telat | e dritares së komshiut u mor | me drejtimin e operacionit marangozi | i katit të pestë i stërmati | me metër këndet e kalvarit | dikush dëshmor vuri shpinën | poshtë qivurit por prapë | e thyem që e thyem llam-

pën | e shkallëve skërfitëm | suvanë teksa brenda ti lëvizje | thes me arra ngjisheshe pas kokës | që sipas zakonit | duhet të dilte e para.


Emilio Salgari

Lo trovarono nel bagno tutto muffa

in quel 25 aprile 1911

suicida in una specie di harakiri con il rasoio da barba

come pare facessero gli eroi

dell’Estremo Oriente che senza mai andare lui descrisse,

perché quasi così Sandokan uccise la Tigre,

perché così l’immaginazione è affogata dalla prosa,

perché così gli usurai sono reali più dei tesori,

perché così gli editori partoriscono carogne,

perché così gli stracci diventano famosi pulendo sangue di scrittore,

perché proprio così vince la quotidiana banalità del radersi.

Emilio Salgari. E gjetën në banjën tërë igrasi | më 25 prill

1911 | vetëvrarë me një si punë harakiri me brisk rroje | se kinse kështu bëjnë heronjtë | e lindjes së largme q’e përshkroi pa e parë, | se pothuaj kështu Sandokani ia mori jetën Tigrit, | se kështu imagjinata mbytet nga proza, | se kështu fajdexhinjtë janë më realë se thesar-

et, | se kështu botuesit pjellin kërrma, | se kështu paçavuret bëhen të famshme kur pastrojnë gjak shkrimtari, | se tamam kështu fiton banaliteti i të rruarit përditë.

Il discorso del Leader

Si mangiava cocomero nelle ultime file.

L’atmosfera era quella dei

momenti storici:

la sala in penombra

pronta ad essere illuminata

dalla marea di applausi.

In prima fila

si notava una stanchezza

di chiappe penzoloni

tra i veterani.

Quando nel mezzo

di una lunga frase fece una pausa

e respirò profondamente si sentì

il tic-tac

dei tagliaunghie (invenzione cinese).

Fjala e Prijsit. Dikush hante shalqi në rradhët e fundit. || Atmosfera ishte ajo e | çasteve historike: | salla në gjysmëterr | e gatshme të ndriçohej | nga batica e duartrokitjeve. || Në rresht të parë | vihej re lodhje | tulesh të lëshuara | te veteranët. || Diku në mes | të fjalisë bëri një pauzë | ku mori frymë thellë u dëgjua | veç tik-taku | i prerëseve të thonjve (shpikje kineze).

Aquila bicipite

Quando nei Balcani il quinto stato in soli tre anni, appena dichiarata l’indipendenza, adottò come bandiera un’aquila bicipite (nonostante i colori dell’aquila e lo sfondo), la pazienza dello Stato Albanese giunse al limite e con una lunga e dettagliata nota di protesta indirizzata a tutte le più importanti istituzioni internazionali, chiese d’urgenza il non riconoscimento delle suddette bandiere giacché plagiavano spudoratamente quella albanese, una nota questa che fu presa in seria considerazione nelle relative sedi, anche se la loro possibilità di intervenire nella politica interna dei neo-stati era limitata, cosa che produsse una nuova ondata di delusione verso le istituzioni internazionali in Albania e, parallelamente, una forte ondata di nazionalismo pan-albanese, con la nascita di gruppi e forze politiche dalle proposte più strane, parte delle quali suggerivano, per esempio, un ampio attacco diplomatico, non solo verso gli stati con un’aquila bicipite nella loro bandiera, ma anche verso quelli con un’aquila con due teste, con una sola testa o senza nessuna testa nel loro stemma statale (stati per niente trascurabili come gli Stati Uniti, la Russia, la Germania, ma anche molti altri fuggiti alla nostra attenzione) mentre un altro partito, un po’ più realista propose dal canto suo (e la Galleria Nazionale delle Arti lo seguì al volo bandendo un concorso in concomitanza con la Festa Nazionale) di modificare graficamente l’aquila bicipite della nostra bandiera in coerenza con le nuove sfide del tempo, in modo tale che comunque si mantenesse superiore alle altre, ritoccando pesantemente in particolare la forma e le dimensioni del becco uncinato e degli artigli, mentre le proposte più estreme in quest’ambito arrivavano a chiedere la riammissione nella nostra bandiera dei Fasci Littori insieme con la Stella Rossa Partigiana, che di sicuro avrebbero dato all’aquila un’arma in più nella sua superbia verso le altre (…)

Advertisements

2 replies »

  1. Straordinaria poesia che è sempre un piacere scoprire e leggere. Altro gran libro in catalogo!

    Un caro saluto

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s