Italian Poetry

IL VERSO DEL MOTO, di Carla De Angelis

Quando  la vita cattura l’attenzione del poeta, la poesia diventa attesa e ricerca minuziosa del linguaggio. Ho davanti a me tre libri di poesia della scrittrice Narda Fattori;  il primo :  E curo nel giardino la gramigna,  lo lessi tempo fa tutto d’un fiato, l’ansia dell’attesa che permea tutto il libro alzava i battiti del cuore, come nel concerto n°.1 di Tchaikovsky dove le note raggiungono quasi il cielo per poi lentamente tornare a terra, ma alla fine nessuna meta era raggiunta , anzi si spostava sempre un po’  più avanti.

Verso occidente:  ormai sapevo che non avrei trovato risposte, qui  la poetessa legge  con meravigliato stupore la sua vita, il lettore resta incantato e l‘immersione nella lettura è empatia totale . Verso occidente mi ha fatto pensare ai versi di Guy Goffette ne La vita Promessa (Gedit, Bologna 2004, traduzione di Chiara De Luca) : “oh, l’esatta fotografia dell’anima, questa parola / che s’infila negli occhi come unghie / nella carne: piove. Il sangue dell’erba”, perché Narda Fattori  scava il quotidiano nella sua apparente normalità per arrivare al nocciolo, all’anima.

Il verso del moto:  ho trovato questa  raccolta poetica più tranquilla, cuore e mente in armonia. E’ un libro d’amore, Narda Fattori guarda attentamente, accompagna e rafforza nei suoi versi tutto  ciò che vive, tutto ciò che conta  dall’inizio della vita: “Dal grembo materno / si nasce una volta sola / così l’uomo muore e rinasce / per certificazione di eventi / di incontri e di pene / e fa dei giorni una ricorrenza / di crepuscoli” A: “si fa dappresso il tramonto / che allunga le sue ombre / fra le zittite fronde della sera / non frugola neppure / l’erba dei fossi”
Come nelle altre due raccolte, l’emozione/commozione  è qui fortissima, ma non si tramuta mai in tristezza anche se l’ombra scura del tramonto è presente come il   tempo che nel passare tradisce. E’ un libro d’amore e dolore, parole esatte non asciutte, lettura che scalda , versi che riportano  alla realtà: “Ma tu figlio mio / racconta a tuo figlio / la storia delle mani e sarà / un principe saldo come un contadino”.                                                                
Ogni poesia meriterebbe adeguata  menzione,  non sono sicura di trovare le parole giuste per ognuna, ma  lasciatemi  citare ancora versi stupendi come: “Ho le mani gremite di preghiera / cadono se apro le dita / non voglio romperle dimenticarle / ma non le so dire”.
Non so se la poetessa abbia fatto un lungo lavoro sulla parola,  la fluidità, la naturalezza con quale questi versi si fanno leggere, mi fanno pensare che abbia scritto direttamente ispirata dalla musa che la abita .

Roma 24 aprile 2010-04-25

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s