Anteprime

Coral Bracho, Quello spazio, quel giardino

coral_Bracho_coverCoral Bracho, Quello spazio, quel giardino
Edizioni Kolibris 2014 – Collana Quetzal

Traduzione e introduzione di Chiara De Luca
ISBN: 978-88-96263-90-7
pp. 94, € 12

Quello spazio, quel giardino, annuncia il titolo di questa raccolta poetica di Coral Bracho, che si configura piuttosto come una sola poesia di ampio respiro. E ci chiediamo dove voglia portarci la poetessa, dove si trovino esattamente quello spazio, quel giardino. Ben presto ci rendiamo conto che la poetessa intende condurci nel mondo della sua infanzia, aprircene le porte, invitandoci a entrare. La poetessa ci chiama a visitare l’eterno giardino dell’innocenza, situato fuori dal tempo e dallo spazio, eppure sempre presente, fisicamente presente. Come sono fisicamente presenti i ricordi, i volti che sembrano materializzarsi da vecchie foto e tornare a sorridere, i bambini che ci sembra di sentir gridare e di veder correre a perdifiato nel giardino, il padre perduto, il padre guida muta, assenza onnipresente. Tutto nella poesia di Coral Bracho è pervaso da una inesausta vitalità, anche la morte vi si personifica, e prende il suo legittimo posto tra le cose. Con questo suo canto sospeso, misterioso e spesso oscuro, la poetessa sembra voler entrare in contatto con l’anima degli oggetti, che tutto hanno visto e preservato, per guardare attraverso gli occhi delle finestre, schiudersi come le porte della casa, lasciando entrare le ombre, mai esorcizzate, bensì evocate. Nella solitudine accogliente della notte i fantasmi non fanno più paura e  i ricordi, in punta di piedi, vengono a trovarci e si fanno più vivi, più nitidi, come lo sono le storie dei bambini, in cui angeli e mostri convivono. Così come nella memoria convivono il dolore dell’assenza e la gioia della presenza che la perdita non ha potuto estinguere. E la realtà si trasfigura come neve che si scioglie.

 

*

 

 

È la notte il luogo

che illumina il ricordo.

 

È una vasta costruzione

sul mare.     È il suo dispiegarsi

 

e susseguirsi.

Ampi corridoi si estendono su bianchi piloni.

Le terrazze aperte ombreggiano le onde,

e ti addentri e attraversi

insondabili estensioni.

 

Va lo sguardo inaugurando i tratti,

vanno i passi centrando l’immensità

e il suo profilo

cangiante si addensa.

e la sua solidità nascente

ancora infonde in noi una chiarezza: quella dello spazio

che s’intreccia. Vediamo

trasparenza nei muri, trasparenza nelle dense,

onde sveglie e un’allegria ci sfiora come un augurio,

come la pinna sottile e segreta

di un pesce.

 

È la memoria il vento

che ci guida nella notte

e in essa fonde

il suo tepore: E ancora ci porta, ci copre,

col suo respiro. Ed è la sua soave premessa, la sua

levità

a schiudere quelle porte:

 

 

Balconi, stanze,

corridoi colmi di profumi. Sale

d’inestricabile e nitida quiete.     Qui,

tra splendori di recente orditi,

sotto lo spazio imperturbabile, riprendiamo, a carponi,

l’espressione dei mobili,

la loro smussata compiacenza:     Tutto

ci copre allora

con una intatta

serenità.     Tutto

ci protegge e solleva con gioiosa disinvoltura.

Mani ferme e gioviali ci cingono

e ci lanciano in aria, la sua sorprendente, schiva, oscenità.

– Mani affettuose

e dense. Siamo

di nuovo risa,

di nuovo chiassoso rapimento,

accolta ampiezza.

 

Tutto

ci riprende e impernia,

tutto ci dispiega e abita

sotto quei boschi

tutelari: Acqua

gocciante; luce

sotto le foglie intricate del patio.

 

 

*

 

Es la noche el lugar

que ilumina el recuerdo.

 

Es una vasta construcción

sobre el mar.     Es su despliegue

 

y su secuencia.

Amplios corredores se extienden sobre blancos pilares.

Las terrazas abiertas sombrean las olas,

y uno se interna y cruza

por insondables extensiones.

 

Va la mirada inaugurando los trazos,

van las pisadas centrando la inmensidad.

y su perfil

cambiante se va trabando.

y su emprendida solidez

nos va infundiendo una claridad: la del espacio

que se entrelaza. Vemos

transparencia en los muros, transparencia en las densas,

despiertas olas y una alegría nos roza como un augurio,

como la aleta fina y sigilosa

de un pez.

 

Es la memoria el viento

que nos guía entre la noche

y en ella funde

su tibieza: Nos va llevando,

nos va cubriendo con su aliento. Y es su suave premisa, su

levedad

la que entreabre esas puertas:

 

 

Balcones, cuartos,

aromados pasillos. Salas

de inextricable y nítida placidez.     Ahí,

entre esplendores recién urdidos,

bajo el espacio imperturbable, recobramos, a gatas,

la expresión de los muebles,

su redondeada complacencia:     Todo

nos cubre entonces

con una intacta

serenidad.     Todo

nos protege y levanta con gozosa soltura.

Manos firmes y joviales nos ciñen

y nos lanzan al aire, a su asombrosa, esquiva, lubricidad.

–Manos entrañables

y densas. Somos

de nuevo risas,

de nuevo rapto bullicioso,

acogida amplitud.

 

Todo

nos retoma y nos centra,

todo nos despliega y habita

bajo esos bosques

tutelares: Agua

goteando; luz

bajo las hojas intrincadas del patio.

 

 

 

*

 

 

Cedro, sandalo,

puro eucalipto.

Qui torniamo,

qui aggrovigliamo le voci. E un benessere

incontenibile, una moderata pienezza

c’inebria.

Siamo, tra quei tratti, immensità.

Siamo la sua abbagliata congiuntura.

e così attraversiamo,

sempre ruotando attorno a quel centro,

sempre costeggiando quel calore, quel nucleo intatto

di addensata dolcezza, per la notte senza fine,

per i suoi corridoi

insondabili. Così torniamo:

per il luogo

che qui hanno conservato,

che qui hanno preso

per noi.

 

 

*

 

 

Cedro, sándalo,

acendrado eucalipto.

Ahí volvemos,

ahi enredamos nuestras voces. Y un bienestar

incontenible, una ceñida plenitud

nos embriaga.

Somos, entre esos trazos, inmensidad.

Somos su deslumbrada coyuntura.

y así cruzamos,

rodeando siempre ese centro,

bordeando siempre esa calidez, ese meollo intacto

de hacinada ternura, por la noche sin fin,

por sus pasillos

insondados. Así volvemos:

por el lugar

que han conservado aquí,

que han emprendido aquí

para nosotros.

 

 

*

 

Loro, i morti, ci guardano con occhi inabissati,

col cuore incendiato, e uno sconcerto di bambini,

un sussulto desolato ci tocca,

 

 

una tristezza occulta.

Dove?

Dove lasciamo questo spazio?

E nei loro occhi precisi e alienati vediamo

quella stessa domanda:

 

Dove? Dove lasciamo,

dove lasciamo quello spazio?

 

*

 

Ellos, los muertos, nos miran con sus ojos ahondados,

con su encendido corazón, y un desconcierto de niños,

un sobresalto desolado nos toca,

 

 

una tristeza oculta.

¿Dónde?

¿Dónde dejamos ese espacio?

y en sus ojos precisos y extrañados miramos

esa mi sma pregunta:

 

¿Dónde? ¿Dónde dejamos,

dónde dejamos ese espacio?

 

 

 

coralCoral Bracho è nata a Città del Messico nel 1951. Tra i suoi libri di poesia ricordiamo: Peces de piel fugaz [Pesci di pelle fugace, 1977], El ser que va a morir [L’essere che va a morire,1982], Bajo el destello líquido [Sotto lo scintillio liquido,1998, che raccoglie i suoi libri precedenti], Tierra de entraña ardiente [Terra dalle viscere ardenti, 1992, in collaborazione con la pittrice Irma Palacios), il volume che riunisce i titoli precedenti Huellas de luz [Orme di luce, 1994] e La voluntad del ámbar [La volontà dell’ambra,1991] Ese espacio, ese jardín [Quello spazio, quel giardino, 2003], che ha ricevuto lo Xavier Villaurrutia Prize e Cuarto de hotel [Stanza d’albergo, 2007]. Nel 1981 le è stato assegnato il Premio Nazionale di Poesia Aguascalientes per El ser que va a morir. Fa parte del Sistema Nacional de Creadores de Arte ed ha ricevuto una borsa di studio della Fondazione Guggenheim

 

 

 

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s